ABEER NEHME

Solista in "A World Symphony" con "Ave Verum

Abeer Nehme è chiamata "la specialista di tutti gli stili" per il suo talento nel passare da uno stile musicale all'altro con virtuosismo.

Abeer è anche suonatrice di qanun e ha conseguito il diploma di laurea con il massimo dei voti in canto orientale presso l'USEK (Université Saint-Esprit de Kaslik). È stata allieva di Aida Chalhoub, responsabile del programma di musica orientale dell'USEK. Il suo talento è stato rapidamente riconosciuto dal pubblico libanese, arabo, greco e siriano.

Esperto di musica etnica antica, Abeer si è esibito in un album completo di canti tradizionali siriaci ortodossi (in dialetto aramaico) con l'Orchestra Filarmonica Nazionale Siriana sotto il patrocinio del Patriarca siriano di Antiochia, Moran Mor Ignatios Zakka Iwas II.

Come cantante orientale moderna, ha recitato in diversi musical. Abeer è apparso come ospite di spicco tra le maggiori superstar nei festival internazionali di tutto il mondo e si è esibito come solista con diverse orchestre.

Una delle composizioni, "Abirou Salati" (Fragranza della mia preghiera), è un viaggio attraverso diversi stili musicali; dalle antiche tradizioni musicali dei Padri della Chiesa, dalle tradizioni di preghiera e dallo spiritualismo profondo alla modernità del XXI secolo.

Di più su Instagram

Abber Nehme, Orchester der Kulturen

JAY ALEXANDER

Solista in "A World Symphony" con "In the Beautiful Month of May".

Jay Alexander è uno degli artisti più popolari e carismatici del panorama musicale tedesco e crea regolarmente entusiasmo durante le sue esibizioni con il timbro caldo della sua voce tenorile unica.

La cantante, nata a Pforzheim, ha già interpretato numerosi ruoli in vari teatri d'opera e può essere ascoltata più volte anche in oratori e messe. Con Marshall & Alexander, da oltre 20 anni garantisce il tutto esaurito in tutta la Germania.

Nei suoi concerti, il tenore dalla voce radiosa esplora con successo i confini tra musica classica e popolare. "Il canto ha qualcosa di divino per me. Quando canto, sento la libertà, l'energia, il potere e la magia della vita" - pura emozione e passione che si percepisce in ogni nota cantata e in ogni gesto, per quanto piccolo, di Jay Alexander.

Dopo che i suoi due precedenti album sono saliti direttamente al n. 1 delle classifiche tedesche di musica classica, Jay Alexander ha ora realizzato un sogno a lungo inseguito con il suo sesto CD da solista "Serienhits": serie televisive come "Die Schwarzwaldklinik", "Derrick" e "Das Traumschiff" hanno regalato a milioni di spettatori momenti indimenticabili di una gloriosa epoca televisiva. Nel suo nuovo album, Jay Alexander si dedica alle note melodie dei titoli delle più popolari serie cult tedesche, che il tenore fa aggiungere per la prima volta ai testi e fa risorgere con la sua splendida voce. Un piacere d'ascolto unico!

Con grande impegno, dal 2013 Jay Alexander è ambasciatore ufficiale del "Familienherberge Lebensweg", una casa di Illingen-Schützingen dove le famiglie con bambini gravi e con problemi di vita si concedono una pausa dalla vita quotidiana.

Per saperne di più:https://jayalexander.de/

Jay Alexander, Orchester der Kulturen

OKSANA VOYTOVICH

Solista in "A World Symphony" con "Mein Vaterland"

Si è diplomata al corso di "Stage Musical Art" presso l'Università Statale delle Arti di San Pietroburgo. Dal 2013 è membro dell'ensemble artistico del Teatro dell'Operetta di San Pietroburgo, dove si è esibita nelle seguenti produzioni:

"Aladdin", "Hollywood Diva", "Jekyll&Hyde", "Dance of the Vampires", "Broadway Hits", "The Count of Monte Cristo".

La sua collaborazione con Adrian Werum è iniziata nel musical "Hollywood Diva", con il quale ha ricevuto il premio "Golden Mask" 2014 a Mosca per il miglior nuovo musical russo.

Oksana è diventata nota al grande pubblico grazie alla sua partecipazione al programma televisivo "The Voice of Russia" nel 2017.

Di più su Instagram

Oksana Voytovich, Orchester der Kulturen, Sängerin, Singer, Musical Theatre

MOHAMAD HABBAL

Solista in A World Symphony con "Spirit of One" e "Mawtini"

Mohamad Habbal è conosciuto anche come il Pavarotti del mondo arabo.

Nato in una famiglia di musicisti, ha iniziato a cantare all'età di sei anni e a 12 ha formato la sua prima band nello stile del folklore tradizionale siriano. Mohamad ha poi ricevuto lezioni private di canto e di tamburo a cornice e si è presto esibito in un concerto da solista al Teatro dell'Opera di Damasco.

Con la sua band ha effettuato tournée in Oman, Libano, Pakistan, Giordania, Egitto e ha suonato insieme a musicisti cristiani e musulmani in Siria. Dopo lo scoppio della guerra, si rifugiò in Giordania e continuò a cercare di esibirsi lì, ad esempio in "Jordan sucht den Superstar".

A causa della fuga e della morte di alcuni membri, dovette sciogliere la sua band e iniziò la sua seconda fuga attraverso la Turchia e la rotta balcanica. È arrivato in Germania un giorno dopo la vigilia di Natale del 2015 e da allora ha costruito la sua carriera in Europa.

Dal 2016, Mohamad è solista dell'Orchestra delle Culture.

Di più su Facebook

Mohamad Habbal, Orchester der Kulturen, Orchester Stuttgart, Orchester, Sänger, Singer, Arabisch

YASEMIN SANNINO

Solista in "A World Symphony" con "Sonbahar

YASEMIN SANNINO, cantante e attrice, nata a Istanbul da madre turca e padre italiano.

Ha iniziato le lezioni di pianoforte all'età di 8 anni e poi la formazione vocale con il soprano Luciana Valente e la cantante jazz Maria Pia De Vito, mentre completava gli studi di chimica all'Università "La Sapienza" di Roma. Come cantante e autrice, Yasemin ha partecipato a molti film italiani e internazionali. Dal 2018 è membro della "HUMAN RIGHTS BAND", fondata da Alessio Allegrini per promuovere la pace e il rispetto delle diversità nel mondo.

Yasemin è anche una delle 13 donne di "ALMAR'A", l'orchestra delle donne arabe e mediterranee, simbolo di libertà, contro i pregiudizi, la violenza, gli estremismi e le ristrettezze. Per molti anni ha cantato musica ebraica sefardita e askenazita con MISHMASH in un ricco repertorio che spazia dalla Spagna alla Turchia e alla Persia.

Nel 2009 ha cantato accanto a Papa Benedetto XVI in "ALMA MATER" (Geffen Records-Universal Music), eseguito dalla Royal Philharmonic Orchestra, nominato ai CLASSICAL BRIT AWARDS 2010.

Nel 2011 è stata solista accanto a Placido Domingo e Andrea Bocelli in "TU ES CHRISTUS" (SONY) in occasione della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II.

Come attrice, è apparsa in numerose serie televisive e lungometraggi turchi e italiani. Nel 2020, ha ottenuto il ruolo di Madre Maria in "Icon Project", diretto da Roland Joffe ("The Mission").

Per saperne di più : https://it.wikipedia.org/wiki/Yasemin_Sannino

Yasemin Sannino, Cantante, Sängerin, Schauspielerin

JERUSALEM ILFU

Solista in "A World Symphony" con "Sonbahar" e "My Fatherland

Jerusalem Ilfu- Novità dell'Orchestra delle Culture con la sua splendida interpretazione di "Sonbahar". Jerusalem Ilfu è nata nel 1981 a Lörrach, sesta di undici figli, ma le sue radici sono in Eritrea, la terra della terra rossa. Nel 1980, i suoi genitori sono riusciti a fuggire in Germania.

Misteriosamente sconosciuta eppure vicina al suo cuore, è così che Gerusalemme ha vissuto la sua terra d'origine, l'Africa orientale. Da bambina ha intrapreso i suoi primi viaggi immaginari con la musica e il canto. Scopre nuovamente se stessa e allo stesso tempo si immerge nell'affascinante mondo dell'immaginazione. Trasportate da suoni familiari, le immagini atmosferiche sorgono nell'occhio della mente della cantante, che le esprime nel suo modo speciale, incantando i suoi ascoltatori.

Per saperne di più: https://soundcloud.com/jeru-ilfu

Jerusalem Ilfu, Orchester der Kulturen,Sängerin, Singer

KANDARA DIEBATE

Solista in "Una sinfonia mondiale"

Nato nel 1973 a Bignona, in Senegal. Kandara è il cantante principale dell'"Orchestra delle Culture" e ne fa parte dal primo giorno, ispirando non solo con la sua kora ma anche con il suo canto. Proviene da una nota famiglia di griot del Senegal. Suo padre Boubakar si è fatto un nome in Africa occidentale e in Nord America. In sua memoria, nel 2018 Kandara ha prodotto il CD "Memoirs a Boubakar". Per lo più canta in wolof testi scritti da lui stesso, spesso improvvisati sul momento.

Kandara ha imparato a suonare la soruba, il tipico doppio tamburo dei Mandingue, in Casamance, nella parte meridionale del Senegal. In seguito, a Dakar è stato istruito per anni nell'arte di suonare la kora e le canzoni che la accompagnano. Da allora, per 10 anni ha suonato la soruba, il djembé, la kora e ha cantato in vari ensemble tradizionali e moderni, gruppi teatrali e balletti in Casamance e a Dakar. Si è esibito in festival tradizionali nell'interno del Paese e in festival ed eventi vari nella capitale. Si è anche esibito in gruppi teatrali, uno dei quali ha vinto il 1° premio in un concorso nazionale.

In seguito ha guidato anche i suoi gruppi teatrali e musicali. Dal settembre 2001 a Tubinga, ha suonato in molti luoghi in Germania, Italia, Austria, Svizzera, tra l'altro con Argile, Aicha Kouyaté, Bantamba e nel 2007 ha fondato il proprio gruppo Kaira Tilo (= "sole pacifico"). A Montreal ha entusiasmato il pubblico del "Nuits d'Afrique-Festival" e della televisione canadese.

È coautore dei libri di successo "Djembé III / Kora" e "Djembé Guidebook" (LEU-Verlag).

Nel 2009 è stato pubblicato il primo CD con Kairatilo (Voyage). Nel 2013 ha registrato il CD "Nomad Kuma" ( Parla) con il gruppo Nomad nel 2015 e il CD "Horoya" ( Rispetto) nel 2019.

Nel 2021 suona in un progetto di nuova musica con Chiao-Hua Chang in Polonia.

Kandara Diebate

DEBORA VILCHEZ

Solista dei nostri concerti dal vivo

Nel 2010 si è formata come cantante classica e ha imparato a suonare il cajón da diversi famosi percussionisti che hanno suonato con Susana Baca, Novalima, ecc. Ha suonato come musicista ospite con la band giapponese di fama mondiale "Boredoms".

Ha suonato come musicista ospite con la band giapponese di fama mondiale "Boredoms", che ha presentato un concerto indimenticabile alla Ruhrtrienale 2012.

Tra loro c'erano altri batteristi famosi come Butchy Fuego (M.I.A, Liars, the Congos ecc.) e Dodo Nkishi (Mouse on Mars). Ha cantato per la band Volxtanz (vincitrice del concorso Creoles 2013) e ha fatto tournée in Germania e Austria.

Ha cantato e interpretato il ruolo di Superbia nel pezzo di danza teatrale "Superbia" (produzione Backsteinhaus) che è stato nominato per il Dance Theatre Award. Inoltre, la sua voce può essere ascoltata nella canzone "La Vie en Rose", parte della colonna sonora del cortometraggio "Rose" (2016), che ha vinto il NYC PictureStart Film Festival di New York per la migliore regia, migliore attrice Ulrike Folkerts.

Nel 2016 ha assunto la direzione del musical "Symphony of Our Lives". Nel 2017 ha assunto la direzione musicale dello spettacolo "Johanna", una produzione dello Staatstheater Stuttgart. Oggi lavora come cantante, batterista e performer in vari progetti artistici.

Debora Vilchez

EVA LETICIA

Solista in "A World Symphony" con "La Flor y la Duda"

Eva Leticia è una cantante nata nel Bronx con radici ispaniche in Messico e Porto Rico. Diplomata alla Fiorello H. LaGuardia High School of Music & Art and Performing Arts di New York, ha anche conseguito un Bachelor of Fine Arts in Vocal Performance alla New School of Jazz and Contemporary Music di New York. "New York mi ha preparato per il mondo e sapevo che era arrivato il momento di andare".

Negli ultimi vent'anni, Eva Leticia ha vissuto in Europa e ha partecipato a progetti prestigiosi come The Voice of Germany, The Winner Is..., Star Search e Popstars, che l'hanno portata a fare da vocal coach, a scrivere canzoni e a fare audizioni, oltre che a produrre la propria musica e a esibirsi dal vivo.

Nel 2009 si è presentata l'opportunità per Lety, come ama farsi chiamare, di fare da corista per l'Ewig Tour della rockstar tedesca Peter Maffay, registrando i backing per il suo album Tatoo nel 2010 e per il suo album Tabaluga nel 2011.

Nello stesso periodo, nel 2010, viene scoperta dall'Opera di Stato di Stoccarda e scritturata per un ruolo da protagonista in The Art of Deleting. Poco dopo, le viene chiesto di interpretare Ida nel "Fledermaus" di Strauss, diretto dal regista e videomaker tedesco Philipp Stölzl.

È stato durante questo anno intenso che Eva Leticia ha incontrato Ray Wilson (cantante dei Genesis e degli Stiltskin) e ha partecipato al suo singolo First Day Of Change, contenuto nell'album del 2011.

Tuttavia, il momento culminante della carriera di Leticia è stato nel 2014, quando ha iniziato a lavorare con due grandi leggende del jazz tedesco: il defunto sassofonista Max Greger senior e il defunto clarinettista Hugo Strasser, dove ha brillato come cantante jazz, cantando i vecchi boleri tradizionali del Sud America.

Qualche anno dopo, ha trovato il tempo di realizzare il suo sogno e ha pubblicato il suo album di debutto Lety, The Wallflower per Mocher Music Records.

All'inizio del 2019, Lety è tornata come cantante di sottofondo per il tour latino del cantante pop argentino Semino Rossi.Alla fine del tour, è salita sul palco del Bix JazzClub di Stoccarda per una Soul Diamonds all-star band, la cui registrazione dal vivo è disponibile come doppio CD/DVD e LP.

*Prima che la pandemia colpisse nel 2020, la maggior parte dei musicisti/artisti non se lo sarebbe aspettato. Gli artisti di tutto il mondo si reinventano, scrivono musica, avviano nuovi progetti, ecc. Prendono tutte le esperienze del passato e le usano per il futuro.

Rimanete sani e salvi!

Per saperne di più: http://evaleticia.com/

Eva Leticia, Singer, Sängerin, Orchester der Kulturen

SERKAN ATES

Solista in "Una sinfonia mondiale"

Serkan Ates

Combina nella sua musica suoni orientali, anatolici e occidentali.

Ha conosciuto il baglama (liuto a manico lungo) in tenera età e presto ha capito che il suo compito sarebbe stato quello di portare questo strumento a contatto con altre culture. Ha suonato con molti gruppi in un'ampia varietà di generi musicali come cantante e strumentista. Questo ha plasmato il suo stile nel corso degli anni.

Dal 2012 fa parte dell'Orchestra delle Culture come strumentista e cantante.

Serkan Ates
Google Arts & Culture
Stadt Stuttgart, Kulturamt
Universal Music MENA