Nina Cromm

Nata l’08.08.1996, Nina Cromm ha iniziato a prendere lezioni di violoncello all’età di 3 anni. Ha avuto come insegnanti il Prof. Emil Rovner, il Prof. Martin Ostertag e al Conservatorio di Zurigo Rebecca Firth. Dal 2016 è studentessa presso la Musikhochschule Karlsruhe nella classe del Prof. László Fenyö.

Già nel 2009 Nina Cromm ha debuttato alla Tonhalle di Zurigo, ha ricevuto il primo premio al Concorso musicale di Zurigo e si è esibita più volte come solista con l’orchestra del Conservatorio di Zurigo e ha organizzato un concerto del Festival culturale internazionale “Resonanzen” di St. I concerti come solista con l’Orchestra Sinfonica Giovanile di Fiati del Baden-Württemberg diretta da Felix Hauswirth l’hanno portata sui palcoscenici del Kwai-Tsing Theater di Hong-Kong e del Cultural Center di Macao nel 2012. Nel 2015 è stata selezionata per esibirsi come solista con l’Orchestra Filarmonica del Württemberg di Reutlingen diretta da Wolfgang-Emanuel Schmidt nell’ambito dell’Accademia di violoncello di Rutesheim. Nello stesso anno è stata invitata a esibirsi al Festival Internazionale di Musica Buxtehude, durante il quale ha ricevuto il premio promozionale “Young Artist Award”, nonché al Festival Internazionale di Musica di Trecastagni (IT) e al festival internazionale “Muzica Uneste Europa” 2017 di Bucarest.

Nina Cromm ha ricevuto numerosi premi al concorso “Jugend musiziert”, tra cui due primi premi nazionali con il punteggio più alto, dopo i quali ha ricevuto un premio speciale dalla Fondazione tedesca per la vita musicale.

Nel 2017 ha vinto il secondo premio al concorso internazionale “Agostin Aponte” (ES).

Ha ricevuto ulteriori impulsi musicali in festival internazionali e corsi di perfezionamento – tra cui l’Accademia di Kronberg e l’Accademia di violoncello di Rutesheim – dove ha avuto come insegnanti violoncellisti rinomati come Jens-Peter Maintz, Julian Steckel, Wolfgang Boettcher, Peter Bruns, Wen-Sinn Yang, Danjulo Ishizaka e Troels Svane.

Dal 2016 è borsista della fondazione “Yeduhi Menuhin – Live Music Now” e nel 2017 ha ricevuto una borsa di studio dalla Heinrich Hertz Society.